Credifamiglia bussa alla porta

Home Forum Debiti e indebitamento Credifamiglia bussa alla porta

Questo argomento contiene 3 risposte, ha 2 partecipanti, ed è stato aggiornato da Claudio Claudio 2 mesi, 2 settimane fa.

  • Autore
    Articoli
  • #3270
    Avatar
    corinto84
    Partecipante

    Salve. Premetto che sono un vostro affezionato utente che vi segue dal 2014. So che le cose sono molto cambiate negli ultimi tempi in materia di recupero crediti, e ora molte società (ifis in primis) sono organizzate militarmente per spolpare i poveracci che capitano trai i suoi artigli.

    Oggi è toccato alla mia compagna, cercherò di essere il più sintetico possibile.

    Ieri è arrivata una raccomandata da parte di credifamiglia dove era scritto che ifis ha acquistato un credito ceduto da Monte dei paschi. Tale credito, risalente al 2006, era inerente a delle azioni che la mia compagna fu obbligata ad comprare per far avere un finanziamento all’ex marito. Le hanno fatto aprire un conto dove doveva versare mensilmente dei soldi (lo ha fatto per circa sei mesi), poi ha smesso di versare denaro e dopo circa 3 anni la Monte dei paschi ha mandato una raccomandata dove diceva che i soldi che non erano stati più versati e pertanto li aveva coperti la banca, senza mai avvisare la titolare, con la richiesta di rientrare di un “debito” per soldi mai presi!

    La mia compagna andò a reclamare in banca, e non hanno mai saputo dargli spiegazioni. La cosa sembrava morta li, non è mai arrivata nessuna missiva di nessun tipo, fin quando non è arrivata la raccomandata di credifamiglia ieri dove riportava il debito di circa 12400 euro da loro acquistato.

    Ora noi stiamo per mandare una raccomandata alla Monte dei paschi per richiedere tutta la documentazione inerente tale pratica, (che ormai è andata perduta a casa) in quanto, dopo tutti questi anni la possibilità che sia andato in prescrizione è lecita.

    La situazione della mia compagna al momento è la seguente: Nullatenente, senza reddito. Ma, a settembre di quest’anno dovrà prendere in donazione la palazzina del padre (ormai anziano) che è composta di 6 appartamenti di varia metratura, alcuni di questi adibiti a casa vacanza e di cui ne diventerà l’unica titolare.

    Vorremmo sapere se c’è possibilità che Ifis (o credifamiglia) possa provare a pignorare gli immobili. Il credito non è esorbitante, ma il timore ce l’abbiamo. Aspetto consigli su come muoverci.

    Grazie fin da ora

     

     

     

     

     

    • Questo argomento è stato modificato 2 mesi, 2 settimane fa da Avatar corinto84.
  • #3272
    Claudio
    Claudio
    Amministratore del forum

    Salve Corinto,

    La vostra procedura è corretta al 50%.

    Banca Ifis, essendo trascorsi più di 10 anni, deve provare che il credito non sia andata prescritto, pertanto oltre alla documentazione va richiesta conferma della validità della richiesta fornendo tutti gli atti e le eventuali relate di notifica che provano l’interruzione della prescrizione.

  • #3274
    Avatar
    corinto84
    Partecipante

    Grazie Claudio, secondo te mi conviene aspettare che Credifamiglia mi faccia una messa in mora ufficiale per poi richiedere tutta la documentazione come mi hai detto, oppure la richiesta gliela faccio subito? Non vorrei che se mi faccio sentire io pensino che abbia “paura” e comincino a pressare con telefonate e letterine. (a casa c’è mio suocero, non aggiungo altro, si spaventa facilmente)

    Per quanto riguarda le case, pensi che siano appetibili per loro, vista la somma?Ovviamente nel caso il credito sia esigibile e non prescritto (come speriamo vivamente)

  • #3276
    Claudio
    Claudio
    Amministratore del forum

    Non risultano aggressioni di immobili da parte di nessuna di queste società che gestiscono NPL, nemmeno per cifre molto più alte.

    Hai ragione quando dici contattarli è segno di debolezza, lo fanno quando contatti per stralciare, se ne approfittano.

    Comunque in questo caso, saresti tu all’attacco. E tra l’altro ti mostreresti preparato e per nulla intimidito.

    Leggi l’articolo.

Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.