Decreto ingiuntivo Ifis

Home Forum Decreti Ingiuntivi-Precetti-Pignoramenti Decreto ingiuntivo Ifis

Questo argomento contiene 16 risposte, ha 3 partecipanti, ed è stato aggiornato da Avatar MaxMax 1 mese, 2 settimane fa.

  • Autore
    Articoli
  • #2731
    Avatar
    MaxMax
    Partecipante

    Buongiorno a tutti, sono nuovo del forum. Ho avuto nei giorni scorsi un DI da Ifis e ora in attesa di definire con un avvocato, volevo capire un attimo a cosa andavo incontro. Somma richiesta, 18000 circa. Lavoratore dipendente a tempo indeterminato, una casa con mutuo, al 50% col coniuge, macchina acquistata due anni fa con cessione del quinto causa impossibilità al finanziamento perchè in crif, e un altra macchina che usa il coniuge di più di dieci anni, praticamente da rottamare, motivo per cui presi la nuova. Come potrebbe finire? Cosa si potrebbe fare? Purtroppo, non ho niente da proporre come stralcio, sempre se trattano. Come casistica, a cosa puntano, allo stipendio (se possono con già una cessione del quinto)? Alla casa (anche se con mutuo, quindi ipoteca della banca, e al 50%). Alla macchina? Al conto corrente (sempre in rosso, ma su cui confluisce lo stipendio)? Grazie a chi saprà rispondermi, era per capire un attimo, anche se ho appuntamento con avvocato per vedere un attimo come agire, sempre se si può fare qualcosa. Di Ifis ne leggo di ogni.

  • #2732
    Avatar
    marcob84
    Partecipante

    la risposta e semplice arriveranno a prendere 1/5 dello stipendio dato che il 1/5 che ti viene prelevato e una cessione volontaria….per le altre opzioni di aggressioni non ti preoccupare sono tutte ipotesi impossibili soprattutto quella del pignoramento della macchina….per lo stralcio nel caso tu ne avessi la possibilità ifis accetta solo una riduzione del debito del 10%

  • #2733
    Avatar
    MaxMax
    Partecipante

    Grazie per la risposta, che già immaginavo. Non avendo a disposizione quella somma, seppur con la riduzione, cosa si fa in questi casi? Lasciar decorrere i termini aspettando il pignoramento (dello stipendio nel mio caso) o tentare qualche tipo di opposizione (come provare qualche errore di calcolo negli interessi)? Come mai non potrebbero “attaccare” la casa o la macchina? Vale la pena iniziare “qualcosa” con un legale prima della scadenza dei termini? Grazie per l’eventuale risposta.

  • #2739
    Avatar
    marcob84
    Partecipante

    io ormai mi farei pignorare lo stipendio dato che forse e la soluzione più indolore….se hai possibilità fai contare gli interessi tu non parli del debito iniziale di solito ifis rincara da buon strozzino del 50 quidi suppongo che il debito iniziale fosse 12000……in questo caso se hai i soldi per impugnare il procedimento qualsiasi giudice ammetterebbe usura e quindi avresti una forte riduzione…le macchine non sono più attaccate da queste congreghe perché non portano a un ricavato certo….la casa per una cifra cosi bassa e fuori discussione inoltre ti ripeto ifis con stipendio come il tuo va su quello e basta perché e la strada più semplice

  • #2757
    Avatar
    MaxMax
    Partecipante

    Grazie per la risposta. Andrò comunque a fare due chiacchiere con l’avvocato, sperando che non mi proponga strade assurde che mi faranno arrivare comunque al pignoramento.

  • #2758
    Claudio
    Claudio
    Amministratore del forum

    A seguito dell’esperienza di molti utenti, a me riferita e documenta, nel tuo caso, se hai disponibilità dovresti presentare opposizione.
    Tutti i conteggi fati fare dagli utenti presso studi di contabilità, han rilevato Quando non usura, conteggi errati.
    Il tuo debito, o meglio la cifra richiesta potrebbe essere la metà.
    Ora a fronte di un possibile risparmio del 50% e per dare una lezione, in quanto qualora venisse rilevata usura, puoi denunciarli, e alla fine farti pure risarcire.
    Sono percorsi lunghi, d’accordo, ma qui parliamo di 18.000 non noccioline.
    Quando il debito è intorno ai 5/6.000 nemmeno accenno alla procedura.
    Veda Lei.

  • #2772
    Avatar
    marcob84
    Partecipante

    max devi specificare a quanto ammonta il debito iniziale prima che ifis lo prendesse in mano

  • #2778
    Avatar
    MaxMax
    Partecipante

    Grazie per le vostre risposte. Intanto correggo, sono intorno ai 16.000, per errore ho scritto 18.000, dal DI, il credito originario risulta intorno agli 11.000 e con interessi calcolati da quando il credito è stato ceduto, si arriva intorno ai 16.000 … Più spese varie per la procedura … In settimana vedo l’avvocato, intanto volevo capire quale sia la strada migliore da intraprendere, calcolando che non navigo a riva … Se oppormi, ma poi con le spese arrivo allo stesso risultato, pur calando il debito, o, se finisco in pignoramento, tra casa, macchina o stipendio, quale rischio di più, insomma, in base alla casistica dei DI ifis, per casi simili al mio, quale è stata la strada migliore intrapresa, e quale è stato il risultato finale … Magari l’avvocato poi mi propone qualche soluzione che al momento ignoro … Grazie per l’attenzione …

    • Questa risposta è stata modificata 1 mese, 2 settimane fa da Avatar MaxMax.
  • #2780
    Avatar
    marcob84
    Partecipante

    o mio dio che schifo hanno rincarato la pratica del 50….incredibile che in uno stato che si reputa civile si permettano certe cose…..quando uno arriva a un decreto ingiuntivo si suppone che abbia avuto dei problemi gravi che non gli hanno permesso di tener fede all impegno…..ifis si approfitta della gente in difficolta ….il bello e che se senti su you tube le loro interviste loro sono quelli che aiutano le persone a risolvere i problemi…..

  • #2781
    Claudio
    Claudio
    Amministratore del forum

    In questi casi, vi è solo un rischio, il pignoramento del 5° più un quinto del TFR maturato. Ifis è molto attenta a pignorare anche quest’ultimo.
    Ribadisco…l’alternativa ha un costo, l’opposizione per calcoli errati e/o usura, ma van documentati da perizia e entro i 40 giorni.
    Pensaci, d’altronde altri motivi per opporsi non ve ne sono, e le spese legali a volte onerose, diventano supeflue, nulla può un avvocato se il decreto non presenta vizi di forma, che poi, vale solo per guadagnare tempo.
    Ifis inizialmente con la sua DIs organizzazione è arrivata ad inviare tre precetti in un anno. Li sbagliava e li rifaceva.

  • #2785
    Avatar
    MaxMax
    Partecipante

    Grazie per le risposte. Questa del pignoramento TFR mi giunge nuova. Il quinto dello stipendio lo prenderebbero mensilmente per X anni, il TFR come lo preleverebbero? A fine vita lavoro, tra una infinità di anni, o subito? Nel caso, come agirebbero, un quinto del TFR subito e la rimanenza con un quinto sullo stipendio? E con la segnalazione in crif, si esce a fine pignoramento? Grazie per l’eventuale risposta.

  • #2786
    Claudio
    Claudio
    Amministratore del forum

    Il 5° del TFR possiamo dire che è la prima ad essere soffiata via (dipende dall’amministrazione) in contemporanea tra la prima e seconda rata, altrimenti i legali di Ifis sollecitano il terzo.

    Per il crif, almeno quello, oggi si viaggia più tranquilli, se ne esce, ovviamente si parla sempre con le prove nero su bianco sulla scrivania.
    Forse…forse, anche meno di 3 anni.
    Leggi il mio articolo Nuove per il CRIF

  • #2791
    Avatar
    MaxMax
    Partecipante

    Grazie per le risposte. Andrò a fare due chiacchiere con l’avvocato, ma credo che opterò per proseguire col pignoramento, anche perché al momento non ci sono le condizioni (economiche e logistiche) di proseguire con l’opposizione. L’importante è che non arrivino alla casa o, eventualmente, alla macchina. Il quinto (stipendio e tfr) sarebbe la soluzione più indolore, nel mio caso, nel giro di qualche anno me ne esco da questa storia. Mai più finanziamenti, carte e cose simili, sono un tunnel da cui non si esce più. Vi terrò aggiornato sul “finale” della questione, anche se me l’avete già anticipato. Grazie di nuovo per la disponibilità.

  • #2797
    Avatar
    MaxMax
    Partecipante

    Buongiorno, scusate, avrei una ultima info da chiedere, prima di andare dall’avvocato, almeno ci vado un po’ preparato … In caso decida di proseguire per il pignoramento, tanto andranno sul quinto, almeno credo, la somma pignorata è quella indicata o ci calcolano sopra altre spese e /o interessi fino a quando il debito non si sarà estinto? Nel senso, se il pignoramento dura X anni, pignorano solo la somma contestata, o ci mettono altri interessi che matureranno? Se fosse questo caso, altro che usura … Grazie per l’eventuale risposta …

  • #2804
    Avatar
    marcob84
    Partecipante

    no le iene ormai sono sazie si fermano alla cifra contestata

  • #2805
    Claudio
    Claudio
    Amministratore del forum

    Esatto. I conti si fanno sulla somma nell’atto di pignoramento.

  • #2809
    Avatar
    MaxMax
    Partecipante

    Meno male, almeno quello. Grazie.

Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.