Raccomandata Giudiziaria 668

Home Forum Decreti Ingiuntivi-Precetti-Pignoramenti Raccomandata Giudiziaria 668

Questo argomento contiene 2 risposte, ha 2 partecipanti, ed è stato aggiornato da Avatar Nerifes 2 mesi, 1 settimana fa.

  • Autore
    Articoli
  • #2376
    Avatar
    Nerifes
    Partecipante

    Salve a tutti. Avevo parlato del problema in precedente sede, ma è andato perduto, percui ripeto qui.
    Mio padre ha una casa cointestata (con la ex-moglie) il cui mutuo è stato completamente estinto due anni fa. Ha anche due debiti da 17500€ circa ciascuno, i quali sono stati affidati a chi di competenza (itacapital etc.) che ci ha mandato molto tempo fa i decreti ingiuntivi (dei 40 giorni di tempo). Oggi è arrivata una raccomandata giudiziaria (prima volta, di solito dice atti) codice 668. Il 668 a meno da quel poco che si legge da google è allarme rosso.
    Se è quello che penso che sia, come ci si deve muovere visto che i tempi stavolta sono ristretti (10 giorni?)? Mio padre prende 1700 euro netti di pensione circa, poi tra cessione del quinto per 350€ e alimenti a mia madre gliene restano tipo 1000. Grazie a tutti per eventuali consigli.

    • Questo argomento è stato modificato 2 mesi, 1 settimana fa da Avatar Nerifes.
  • #2378
    Claudio
    Claudio
    Amministratore del forum

    Salve Neferis, e si ci può stare che sia un atto giudiziario, e se può essere di aiuto i tempi ristretti sono teorici, c’è sempre tempo.
    Ora c’è da analizzare un attimo:
    Se, gli alimenti sono comprovati da sentenza ( da questa parte) è un bene.
    Quest’anno già c’è una rivisitazione del minimo di sopravvivenza per i pensionati
    Leggi qui
    Calcolando a naso una cessione di 310/320 € direi che tuo padre rischia poco.
    Io…sarei tranquillo.

    • Questa risposta è stata modificata 2 mesi, 1 settimana fa da Claudio Claudio.
  • #2380
    Avatar
    Nerifes
    Partecipante

    Salve Claudio, grazie mille davvero per la risposta.
    A lui la pensione arriva sul conto già scremata di alimenti e cessione del quinto, è un prelievo ufficiale (all’epoca il tribunale aumentò pure la stima iniziale e dovette pagare gli arretrati, uno dei motivi per il quale si è indebitato tra l’altro).

    Calcolando a naso una cessione di 310/320 € direi che tuo padre rischia poco.

    Cessione di chi, nostra o inteso come pignoramento?

    Ne parlammo all’ epoca ma è passato un anno e quella discussione non esiste più: quando loro vanno a conteggiare per il pignoramento mi diceste che il quinto è cessione volontaria (quindi non sono 1000€ ma tipo 1350€). Degli alimenti non chiesi, quindi non so. Quando fanno i calcoli li fanno sui 1350 o 1700?
    Poi ti chiedo scusa, ma permettimi la domanda cretina del giorno: lo so, negli anni più volte avete detto che le probabilità sono minime rispetto al pignoramento della pensione/stipendio, ma nell’ eventualità decidessero un pignoramento immobiliare?

Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.