Visura CRIF

Home Forum Crif e banche dati. Visura CRIF

Questo argomento contiene 2 risposte, ha 2 partecipanti, ed è stato aggiornato da Daniele Daniele 7 mesi, 1 settimana fa.

  • Autore
    Articoli
  • #3399
    Avatar
    bs1911
    Partecipante

    Buongiorno a tutto il forum,

    ho richiesto (illudendomi) la visura al Crif e purtroppo sono ben presenti le sofferenze (due finanziamenti con pignoramento non andato a buon fine per 5° già “occupato”) del 2016 e 2017 mentre non c’è traccia del pignoramento Ifis ancora in corso.

    Quanto sopra solo per testimonianza.

     

  • #3406
    Daniele
    Daniele
    Amministratore del forum

    Come da recenti notizie di nostri utenti, a quanto pare la segnalazione da Ifis ce la si becca in CR – Banca d’Italia e non v’è traccia sul Crif.

    Fatto assai strano; Adicons sta raccongliendo informazioni al riguardo direttamente da Banca d’Italia: è stato chiesto via PEC se la segnalazione da parte di Ifis è congrua oppure no. Dato che non ha erogato il credito, vien spontaneo chiedersi se ha potere di segnalare. Il quesito è valido ancor più tenendo conto che in CR e in Crif non compaiono (più) segnalazioni/sofferenza da parte della Banca/Finanziaria erogatrice, che a suo tempo aveva effettivamente messo a soffernza e poi ceduto a società che si occupano di NPL.  Attendiamo chiarimenti in merito direttamente da banca d’Italia.

    Per le tue segnalazioni in Crif, devono passare 36 mesi dall’ultimo aggiornamento della finanziaria; ovvero ad es. 36 mesi da quando ha messo in perdita/ceduto o altro. Pertanto al momento che ti ritrovi la segnalazione è normalissimo.  probabilmente hai interrgoato Crif “un pò troppo presto”. Detto questo, non vogliamo nè illuderti nè tanto meno darti certezza che nel giro di qualche anno non avrai più segnalazioni e avrai libero accesso al credito.

    Che non si rimane più segnalati “vata natural durante” è ormai accertato; che vi siano < regole precise > e valide per tutte le banche/finanziarie…  questo no; ed è ancora tutto da scoprire come e in che modo tutto ciò sta cambiando.

    Già è un’enorme passo avanti sapere che vi è la possibilità di poter accedere nuvamente al credito; rimangono da capire tempistiche – situazioni – < regole interne > ai vari istituti – che Banca d’italia / BCE impongano regole ben precise al riguardo.
    Al momento non possiamo far altro che stare alla finestra, cercare di comprende, raccogliere testimonianze dai nostri vari utenti.

    Appena Adicons avrà notizie in merito, avrete subito aggiornamenti al riguardo.     by Daniele – amm.  Adicons

  • #3794
    Daniele
    Daniele
    Amministratore del forum

    Buongiorno, riprendo questo post per aggiornamenti.
    Ieri pomeriggio ho avuto modo di parlare col vice-direttore di una piccola banca aperta da pochi mesi qui dove abito (ovviamente conoscevo questa persona già prima, al di là della banca, altrimenti non credo si sarebbe sbottonato…).

    Ho spiegato la situazione e chiesto delucidazioni in merito. Il primo dato di fatto – inconfutabile – è che c’è una grossa differenza tra Ifis e tutti le altre società di rec. credito: Ifis è una banca a tutti gli effetti, non è semplicemente una società specializzata in rec. crediti.  Se date un’occhio qui https://www.bancaifis.it/gruppo/business-e-marchi/ , potete vedere che ad es. offre c/c contomax, conto deposito rendimax, finanziamenti (ha assorbito Capitalfin), e tanti altri servizi; tra cui i tanto odiati Credifamiglia e Ifis NPL. Quindi lavorano ANCHE nel mercato degli NPL ma, in effetti, è una banca vera e propria con tanti altri servizi.

    Perchè questo punto è importante? Perchè la semplice società specializzata in rec. crediti, non ha titolo per far segnalazioni in banca dati.  Ifis invece, essendo banca, non solo PUO’ FARE le segnalazioni ma DEVE FARLE in quanto anch’essa è vigilata da Banca d’Italia.

    Già…  Banca d’Italia, non Crif.  Perchè, che cambia? Forse ti stai domandando questo. Banca d’Italia è un Organo di Vigilanza che controlla tutte le banche (dalla più piccolina ai colossi bancari) : ogni banca ha l’obbligo di fare/eseguire le varie comunicazioni all’ente.

    Crif invece è una soietà privata, a cui le banche aderiscono; mi diceva che ora aderiscono tutte, che non è un obbligo ma quasi… tempo fa ogni banca poteva decidere da se aderire o meno. La bancha paga un tot a Crif per avere pieno accesso al loro portale e usufruire dei suoi servizi; così come paga per effettuare segnalazioni o ricevere informazioni riguardo ad un cliente che chiede finanziamento/carte/fido ecc ecc… (parole del vice-direttore)

    Quando una banca/finanziaria ha tutto l’interesse di segnalare/richiedere informazioni? Quando deve tutelarsi, ad esempio evitando di erogare credito a chi ha già avuto segnalazioni; oppure quando deve inserire nel database l’approvazione di un finanziamento o altre situazioni simili.

    Ora ragioniamo su questo punto: Ifis come banca è tenuta a segnalare a Banca d’Italia quando acquista/mette a sua volta in sofferenza dei crediti NPL.
    Ma Ifis ha interesse nel fare segnalazioni in Crif? Dato che dovrebbe pagare per inserire tali segnalazioni (tra l’altro a suo tempo già inserite dalla banca/finanziaria che aveva concesso il credito), secondo voi ha interesse a pagare per segnalare in Crif… tenendo conto che parliamo di NPL? E che pertanto la segnalazione non avrebbe nessuno scopo tutelativo?
    domanda retorica, non credo serva dover rispondere.

    Quindi riassumendo, potremmo semplicemente dire che:
    a) come banca, Ifis è tenuta a segnalare in Banca d’Italia;
    b) non ha interesse ad effettuare segnalazioni in Crif.

    Ecco, ora mi è ben chiara la mia situazione e quella del nostro utente bs1911, del perchè in Banca d’Italia – sezione CR Ifis ha segnalato, mentre in Crif non v’è traccia.  A quanto pare (in base a ciò che mi ha detto il vice-direttore) è tutto corretto così… Non c’è nessun appiglio contro Ifis, che come banca ha tutto il dovere e potere di segnalare.

    Ah: attendo sempre la risposta ufficiale via PEC da parte di Banca d’italia al riguardo…  Ma son passate 4 settimane: temo che non riceverò mai questa risposta diretta da loro. Quindi teniamoci questo concetto espresso da un banchiere [che conosce benissimo Ifis tra l’altro… ha contatto diretto con un loro incaricato, per eventuali futuri ricicli di NPL]

    Quindi sti marpioni di Ifis non solo vanno diretti al pignoramento ma segnalano in CR. Concludo con un notizia che potrebbe farci tornare il sorriso [teniamocelo per noi però…  detto piano piano e sottovoce] : pare che Ifis stessa a sua volta sia piena di debiti, letto da più parti. A furia di tirar troppo la corda…

Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.