Banca Ifis & FBS – Giochi e giochini.

 

Come ben sanno gli utenti che ci seguono, è il caso di dire da quando noi seguiamo Banca Ifis, che la suddetta è alquanto aggressiva e con una politica aziendale che personalmente definisco poco (per niente) interessata a problemi e situazioni personali degli indebitati.

Pertanto se ha possibilità di riuscita…attacca.

Se non ha possibilità di riuscita, svende. Prima e forse anche adesso, svendeva ad una società Maltese, la Italo Sicav, che per comodità aveva aperto un ufficio nella stessa città dove ha la sede generale ifis.

E alla Italo Sicav passava quelli che a sua volta erano crediti inesigibili anche per dei guerrieri come loro.

Italo Sicav ci provava, e se ci riusciva si contentava anche del 30%, a volte anche meno, se si dimostrava che quel meno, era il massimo.

Ora ha aggiunto un altra riciclatore la Blue Factor, alla quale, da fonti certe, ha rifilato un credito di circa 20 anni fa ritrovato in qualche galleria in Germania di proprietà della Deutsche Bank.

Credito decaduto per prescrizione, che continuano ad esigere come se fosse scaduto il mese scorso.

Questa richiesta al nostro socio, è pervenuta prima da Banca Ifis, che successivamente l’ha ceduto ad Italo Sicav i quali si sono presentati con un formale richiesta dopodiché, l’oblio.

Ora lo stesso credito, sempre ventennale e prescritto viene richiesto e stavolta con arroganza dalla Blue Factor, dove la gentile Sig.ra al centralino, alla richiesta di documentare in merito, esordisce con “Noi non dobbiamo dimostrare nulla”.

Simpatica

Che idea, scrivo a tutti i 19.000 utenti che avevo nell’altro sito e chiedo solo 10 € a testa, non dovendo dimostrare nulla…li esigo.

Ma non finisce qui, notizia su Milano Finanza di oggi, Ifis ha acquisito il 90% di FBS altra società di riciclo differenziato.

Alta strategia di economia, forse so già a chi IFIS passerà i prossimi crediti che non riuscirà ad esigere.

Share:

Author: Claudio