CMOR Elettrico/Gas

Il CMOR è il corrispettivo per morosità delle utenze energia, cioè il corrispettivo eventualmente addebitato dal nuovo fornitore di energia al cliente finale, il quale abbia situazioni di morosità pregressa nei confronti del suo precedente fornitore di energia elettrica

Il CMOR ha dunque natura di indennizzo a favore dell’esercente uscente. Lo scopo di questo sistema indennitario è di tutelare il vecchio fornitore (che non può più usare lo strumento della sospensione della fornitura) e di evitargli di dover agire giudizialmente per recuperare il suo credito nei confronti del cliente moroso che sia passato ad altro fornitore senza aver prima saldato il suo debito per bollette non pagate al vecchio fornitore (fenomeno del cd. “turismo energetico”).

Il CMOR e il recupero del credito contro il cliente moroso

La funzione del CMOR non è dunque quella di garantire al vecchio fornitore una parte del prezzo, bensì di indennizzarlo del pregiudizio subito (a causa del passaggio del cliente finale ad altro operatore senza aver saldato le vecchie bollette) con la corresponsione di una minima somma, evitandogli (se lo ritiene, per ragioni di opportunità e convenienza) di intraprendere azioni legali di recupero del credito.

IL Cmor è applicabile alle ultime due fatture emesse salvo eventuale conguaglio

 

 

delibera ARG/elt 219/10 dell’Autorità per l’Energia Elettrica e il Gas (AEEG), cha ha modificato e integrato la delibera ARG/elt 191/09 (specie nel suo All. B) e a sua volta è stata successivamente modificata e integrata dalle Delibera n°99/2012/R/EEL e 195/2012/R/EEL.