La citazione c/o altro Foro è illegittima.

Citare in Fori diversi da quelli del consumatore è pratica commerciale vessatoria e scorretta. Ne abbiamo già scritto altre volte,ma è sempre bene rammentarlo allo spett. pubblico. Costituirsi c/o il Foro di una città diversa da quella dove risiede il debitore,comporta (sempre che ne valga la pena) l’assunzione di un avvocato che a sua volta deve delegare un collega appartenente al Foro di quella città,per seguire la pratica. E il tutto costa un occhio !

Quindi l’ atto di citazione a comparire al Tribunale di Lodi quando tu risiedi a Trapani,è un abuso passibile di denuncia all’Antitrust. D’accordo,non sarà un granchè,ma lo dice anche il Garante della Concorrenza e del Mercato. I casi di illegittimo esercizio dei diritti da parte delle società di recupero crediti (con la complicità di studi legali amici e comparielli),sono in forte aumento. Secondo il CPC, quando si cita una persona,il tribunale competente è quello del luogo di residenza del convenuto/debitore ! Se in quella città non ci fosse un tribunale, è competente quello più vicino. Se il creditore sbaglia il foro di competenza, il Giudice è tenuto rigettare la domanda e assegnarli un termine per riassumere il giudizio presso il tribunale competente.

Il recupero crediti riguarda spesso somme modeste,ragion per cui difendersi,è controproducente. Insomma la spesa non varrebbe l’impresa oprattutto se si deve comparire a Lodi mentre tu àbiti a Trapani. Ed i farabutti ne approfittano anche perchè questi atti,quasi mai vengono iscirtti a ruolo. I furbacchioni còntano sul fatto che il debitore si affretti a pagare il prima possibile.Quindi per l’Autorità,questa cattiva abitudine è un indebito condizionamento,perchè induce ad un falso convincimento. Cioè quello che sia meglio pagare subito.

Conclusione : se risiedete a Messina e ricevete una citazione a comparire c/o il Tribunale di Lodi,se siete solvibile,consigliatevi subito col legale di fiducia per verificare innanzi tutto se davvero il fascicolo sia stato messo a ruolo. Infatti molto spesso il creditore non si costituisce,col risultato che quel giudizio non si terrà mai e l’atto di citazione si trasforma in carta straccia. Viceversa, e sempre che ne valga la pena,converrà costituirsi per contestare il difetto di competenza territoriale e segnalando opportunamente la faccenda al Garante Concorrenza e Mercato e a quello dell’anti Trust.