Naufragio 5 stelle

Da ieri, quando hanno iniziato a rendere noti gli importi del Reddito di Cittadinanza si è scatenato un vero e proprio “Tsunami” mediatico.

Presa d’assalto con proteste, lamentele e richieste di chiarimenti la pagina Facebook del sito Inps ” Inps per le famiglie”.

Il caso più eclatante è di quella Signora alle quali spettano 40 euro mensili, siamo d’accordo che il Reddito è un mero calcolo matematico, e che sicuramente è quella la cifra spettante.

Certo che se la Signora per 40 € mensili deve fornire 8 o più ore di lavoro ancora come, dove, e quando da stabilire è un altro discorso.

Vero anche che il provvedimento dovrebbe essere un contributo temporaneo (max 18 mesi + 18 ) e dovrebbe condurre ad un ingresso nel mondo del lavoro, anche questa opportunità molto lacunosa e improbabile.

I navigator ancora non esistono, ed han già prospettato un diverso impiego delle loro funzioni, e pertanto è facilmente intuibile che i tempi tecnici non permetteranno di vederli all’ opera sicuramente entro la prima tranche temporale di 18 mesi.

E dubitiamo (molto) anche della loro efficacia.

Inoltre, già durante i primi colloqui di lavoro che vengono riportati, la prima domanda che viene fatta è se si percepisce reddito di cittadinanza, i datori di lavoro, grazie allo sgravio fiscale, se hanno un lavoro da offrire ovviamente preferiscono chi indirettamente gli porta contributi in cassa.

E i giovani che non ne hanno diritto in quanto vivono con i genitori, oltre a non stare sul divano, non staranno nemmeno davanti ad una pressa, un’officina o una pizzeria.

Ricordiamo che i giovani che han chiesto reddito, per via dei paletti sono circa il 3% con età sotto i 25 anni.

Ad oggi 806 mila le richieste per nucleo familiare arrivate all’Inps attraverso i modelli presentati alle Poste, ai CAF e on-line entro il 31 marzo, per accedere al Reddito di cittadinanza.

L’Inps, informa una nota, ha inviato a Poste Italiane 33 flussi informatici per le prime 487.667 istanze accolte, a fronte di 680.965 istanze già lavorate (72%)

Probabilmente si attesteranno intorno alle 700/750.000 le concessioni.

Perché lo definisco ” suicidio”?

Perché si è esagerato.

Il proclama dal Balcone, la parola d’effetto era: Abolita la povertà, evidente che vi era un eccesso di entusiasmo, senza per altro in quel momento avere idea delle somme e delle procedure da mettere in atto.

Da abolire la Povertà a ricevere da 40 a 300 € mensili, con proteste, lamentele, delusioni, l’effetto mediatico è predominate, i social ben tenuti in considerazione da chi ci governa con quotidiani post, twitt e quant’altro su tutte le piattaforme, saranno la loro ” Waterloo”.

Anche le persone che non ne han diritto e non lo hanno richiesto, sono concordi nell’affermare che probabilmente vi è stata una certa” ingenuità”, leggerezza da entrambi le parti, da chi lo ha proposto, e da chi ci ha creduto con eccesso di fiducia.

Era (al passato oramai) il Governo del cambiamento, perché non credergli?

Gli han creduto votandoli, il resto doveva venire da se.

Peccato perché a causa di questa manovra che sarà di aiuto solo ai pensionati sotto soglia e nemmeno tutti (anche loro soggetti a paletti restrittivi) nei prossimi mesi, e per qualche anno, pagheremo caro e pagheremo tutti questi debiti contratti.

 

Lascia un commento