Pay TV e telefonia. Conciliazione CORECOM

Nel caso di controversie  in ambito di telefonia o tv a pagamento (addebiti ingiusti, malfunzionamento del servizio etc.) la prima cosa da fare è inviare un reclamo scritto (messa in mora) direttamente al gestore. Come spesso accade la maggior parte dei reclami viene ignorato, pertanto è necessario effettuare altri passi.

La conciliazione può essere esperita  gratuitamente presso il Corecom della propria regione. I corecom sono Regionali, per conoscere indirizzi e  n. telefonico cercare con Google Corecom + tua regione.
Se la conciliazione va a buon fine, ovvero se l’utente e il gestore trovano un accordo soddisfacente per entrambi, verrà redatto un verbale dal conciliatore Corecom che sarà vincolante al pari di una sentenza.

Se invece la conciliazione non va a buon fine, si potrà nuovamente ricorrere gratuitamente al Corecom (o all’Agcom) per la definizione della controversia, o in alternativa si potrà fare causa al giudice ordinario.
In breve, per le controversie di seguito i passi da percorrere  per arrivare ad una soluzione:
1. Inviare un reclamo scritto al gestore;
2. Richiesta di conciliazione al Corecom (consigliabile) oppure presso altro organismo autorizzato
3. Definizione al Corecom (o all’Agcom), oppure… causa al giudice ordinario

La conciliazione e la definizione al Corecom/Agcom è regolata dalla Delibera 203/18.

Dal 23/7/2018 le conciliazioni e le definizioni presso i Corecom o Agcom sono fattibili esclusivamente online, tramite la piattaforma Conciliaweb, ai sensi di quanto previsto dalla Delibera 203/18 che abroga e sostituisce la precedente Delibera 173/07.

Sono ad esempio previsti indennizzi automatici per taluni disservizi, tra cui la mancata risposta ai reclami degli utenti, che potranno essere pretesi dal gestore.

Leggi la nostra Guida  ai diritti e alle tutele degli utenti delle telecomunicazioni.