Pignoramento lavoratori co-co-pro.

Il difficile rapporto con le società di recupero crediti.
Regole del forum
Il titolo dell'argomento deve rendere l'idea della problematica. Il titolo deve iniziare con la lettera maiuscola e terminare con il punto. Vietate le parole " Aiuto" e "Urgente"
Messaggio
Autore
Avatar utente
cagliostro49

Esperti
Messaggi: 26923
Iscritto il: 23 ott 2010, 21:03

Pignoramento lavoratori co-co-pro.

#1 Messaggio da leggere da cagliostro49 » 14 nov 2013, 21:32

Ho pubblicato proprio adesso novità sui pignoramenti c/o terzi dei lavoratori precari (co-co-pro et similia). Leggetelo con attenzione............. doh.gif doh.gif

pignoramento-lavoratori-co-co-pro-atten ... tml#p97851
LA NOBILTA' DELLO SCHIAVO E' LA RIBELLIONE !

Avatar utente
benito79

Utente
Messaggi: 1712
Età: 38
Iscritto il: 6 apr 2013, 10:44
Località: Udine

Re: Pignoramento lavoratori co-co-pro ACHTUNG !

#2 Messaggio da leggere da benito79 » 14 nov 2013, 23:22

....Si ma c'è sempre una prima volta:
Che venga richiesto da parte del creditore e che lui faccia anche a tempo e che un giudice lo autorizzi....
a quel punto non avrebbe più senso lavorare!!!
La parola SCANDALO non penso sia sufficiente a spiegare tutto!!!
Corruptissima re publica plurimae leges (TACITO)
MOLTISSIME SONO LE LEGGI QUANDO LO STATO E' CORROTTO

Avatar utente
korbs

Esperti
Messaggi: 13443
Età: 6
Iscritto il: 21 feb 2012, 18:36

Re: Pignoramento lavoratori co-co-pro ACHTUNG !

#3 Messaggio da leggere da korbs » 15 nov 2013, 1:42

Per chi conosce la vera natura di questi contratti, quello che riporta Cagliostro è una conseguenza naturale...perchè si tratta in pratica di lavoro autonomo...e devo dire che ne ero al corrente..

La pensata del lavoro parasubordinato nota sotto il nome di "Legge Biagi", ovvero il DLGS 276/03, in realtà è un assurdo dal punto di vista giuridico...perchè o c'è il vincolo di subordinazione e pertanto si è etero-diretti, oppure il lavoro è autonomo....Non può esistere un ibrido...
ovvero "caro lavoratore, sulla carta lavori in proprio però in realtà fai quello che dico io"....

E' stata solo una manovra per favorire lo sfruttamento di lavoratori che hanno a loro carico solo gli oneri di essere dipendenti e autonomi allo stesso tempo, mentre i vantaggi delle due posizioni sono tutti per "gli imprenditori" (o meglio prenditori) che dietro pseudo progetti nascondono qualsiasi lavoro ordinario e di fatto subordinato, solo per risparmiare su contributi e non dover pagare tfr, ferie, tredicesima ecc......

Orbene, l'ultimo "cetriolo" a carico di questi lavoratori è la possibilità (teorica) di pignoramento dell'intero compenso che può avvenire in quanto la retribuzione del COCOPRO afferisce al progetto ed ogni mese il lavoratore ritira un cedolino paga che rappresenta un rateo sull'intero compenso previsto...
Quindi non si tratta di una vera busta paga con un salario calcolato in base ai giorni lavorati, ferie ecc....per cui la legge ha già previsto la soglia massima del quinto.

Ecco perchè può scattare il pignoramento di tutto il compenso. Lo stesso è predeterminato in base a una contrattazione fra privati che non può prevedere la subordinazione.... e questo giuridicamente non può che ricondursi un rapporto di lavoro autonomo.

Bisogna dire però che ciò che sulla carta appare una sciagura, in realtà, a mio modesto avviso, è una bolla di sapone...

Per le finanziarie questo tipo di posizioni (che dal punto di vista contributivo l'INPS gestisce in una cassa separata), così come le partite iva, non esistono nemmeno....anche perchè si tratta di contrattazione privata a termine e gli esiti di un pignoramento sarebbero sconvenienti e aleatori...

Pertanto ritengo che per molti versi sia una questione meramente dottrinale...perchè in pratica un COCOPRO è difficilmente afferrabile con profitto da un creditore privato, specie come quello finanziario che deve badare agli utili. E da questo punto di vista infatti non risulta fino a oggi una casistica positiva...

Ovviamente Equitalia non rientra fra questi e ha già precedenti di pignoramento nei confronti di lavoratori autonomi, ma questo è un capitolo a parte perchè l'agente della riscossione può agire facilmente per via stragudziale in sede di pignoramento presso terzi e non deve pensare al bilancio.
errare humanum est, perseverare autem diabolicum

Avatar utente
cagliostro49

Esperti
Messaggi: 26923
Iscritto il: 23 ott 2010, 21:03

Re: Pignoramento lavoratori co-co-pro ACHTUNG !

#4 Messaggio da leggere da cagliostro49 » 15 nov 2013, 18:54

Infatti in calce al vademecum ho detto che è una questione puramente teòrica perché a prescindere dalle ovvie considerazioni di Korbs,difficilmente si farebbe in tempo ad eseguire un pignoramento del genere......purtroppo da culla del Diritto ci stiamo trasformando in una sagrestia di Dottrina sofistica che si autoalimenta con le sue dissociazioni. Spesso ridicole......... :roll:
LA NOBILTA' DELLO SCHIAVO E' LA RIBELLIONE !

Bloccato